Strumenti di Revenue Management: il Nesting in hotel

Il Nesting è una tecnica di Revenue Management che serve ad ottimizzare il fatturato delle camere nei periodi di alta occupazione e consiste nel determinare quante camere destinare a ciascun segmento di mercato

Il nesting è uno strumento di calcolo previsionale, partendo dai dati dell’anno precedente e permette di valutare la convenienza o meno di certe prenotazioni ricevute con largo anticipo ad un certo prezzo. 


 

Es. poniamo l’esempio di un hotel di 100 camere. Dall’analisi dello scorso anno si evince che il 15/06 risulti essere una data particolarmente richiesta e dunque di alta occupazione. Le prenotazioni si distinguono in:

  • il segmento A ha prodotto un fatturato totale camere di € 500,00
  • il segmento B un fatturato totale camere di  € 350,00
  • il segmento C un fatturato totale camere di € 200,00

Dall’analisi dello storico, potremo pensare di aprire le vendite delle camere e inserire un contingente più importante per i segmenti A-B; per il segmento C potremo decidere di non contingentare più di 15 camere quindi non accettare più di 15 prenotazioni. 

La tecnica del Nesting determina un nuovo atteggiamento di accettazione della prenotazione per cui si rifiutano anche nel caso di camere ancora libere per decidere di destinarle al segmento che può apportare maggior fatturato. Sembra una cosa scontata, ma fino a pochissimi anni fa (e per dirla tutta, in alcune strutture stagionali è tuttora vigente) il principio di accettare qualsiasi conferma di prenotazione piuttosto che vendere. 

Il nesting è uno strumento innovativo e coraggioso perché ti impone di rifiutare prenotazioni facili a “rischio” di un maggior fatturato. 

 

Potrebbe interessarti anche